February 3, 2015

SOME THOUGHTS ON THE LYRICISM OF BEAUTY OF THE ABSTRACT… / ALCUNE RIFLESSIONI SUL LIRISMO DELLA BELLEZZA DELL’ASTRATTO…

Filed under: Uncategorized — Anna Gulak @ 5:45 pm

A part of the essay “Lyricism of beauty: abstraction and realism in Anna Gulak’s art” written by Maria Carolina Campone, Professor of contemporary art language history at the Second University of Naples; Italy
Una parte della nota critica a cura della Dottoressa Maria Carolina Campone,
Docente di Storia dei linguaggi artistici contemporanei, Seconda Università degli Studi
di Napoli

inter black
anna-gulak-artist 1
inter black

“In the extremes of analytical painting, Gulak’s abstract works are regarded as an abandonment of representative fiction with a dual result: on one hand, they become objects of research; on the other hand, they lose their characteristics as naturalistic and realistic reference sources. Based on the purest idealistic roots of European abstractionism, benefitting from the ideas of Kandinsky, Gulak’s canvases, whose name Impression should not mislead you, are experiments with rhythm, abstract and mathematical construction. In this context the term ‘impression’ (in etymologically pure terms) should be regarded as the imprint of a seal on sealing wax, instead of being perceived as a sensation or as a product of one’s senses exposed to reality. The term refers to the act of the artist, her internal and visceral relation with the canvas on which reality is not reproduced but created and reinterpreted through her personal expressive technique. It is, essentially, the meaning given to the concept by Kandinsky, who talked about ‘a direct impression of outward nature, expressed in purely artistic form’, concluding ‘This I call an ‘Impression’’.
inter black smaller
Alle estreme propaggini della pittura analitica, la produzione astratta della Gulak si pone come abbandono di ogni finzione rappresentativa con l’effetto di un duplice risultato: da un lato, essa stessa diviene oggetto di indagine; da un altro, perde ogni connotato di referenzialità, di riferimento naturalistico o realistico. Recependo le più pure matrici idealistiche dell’astrattismo europeo, ricollegabile alla lezione di Kandinskij, la Gulak indaga il ritmo, la costruzione astratta e matematica attraverso le sue tele, nelle quali il titolo Impression non deve trarre in inganno. Non si tratta di intendere il termine nel senso di una sensazione, di un effetto prodotto sui sensi a contatto con la realtà, ma piuttosto -nell’accezione etimologicamente “pura”- come “impressione” (da “imprimere”) di un sigillo sulla ceralacca. Il nome allude dunque al gesto dell’artista, al suo rapporto viscerale e fisico con la tela, sulla quale ella non “ri-produce” la realtà, ma “produce” la realtà stessa reinterpretata attraverso codici espressivi e formali del tutto personali. È, in sostanza, il significato che al titolo conferiva già Kandinskij, che parlava di «Impressioni della “natura esteriore” in forma grafico-pittorica», concludendo «chiamo questi quadri “impressioni”».

inter black
anna gulak artist 2
inter black

It is not however a simple repetition of approaches already attempted by others through the use of different materials – in terms of Burri’s material art – but the use of heteroclite materials and means, singular and outside the normal, applied not for the sake of something new, but for the expressive qualities of the elements. Her oil paintings with gilded sculptural elements have various dimensions differentiated on the basis of the effect of light and the effect of a ‘poetics of the material’ which cannot be perceived in any other way than as a consequence of each composition’s harmony.

This results in almost sculptural solidity achieved through the balance of the composition of the picture in which the artist tries to maximize the surface characteristics. Gulak is not as interested in the depiction of the form or the play of colours as she is in the texture and type of material, whilst preserving the complex harmony of the image.

Non si tratta, peraltro, di una semplice riproposizione di strade già sperimentate da altri attraverso l’uso di materiali diversi -si pensi all’arte materica di Burri- ma del ricorso a materiali e mezzi eterocliti, singolari e fuori del normale non per la ricerca fine a se stessa del nuovo, ma per le qualità espressive che quegli elementi posseggono. Le tele a olio con inserti scultorei in oro ottengono reazioni differenziate in base all’incidenza della luce con l’effetto di una “poetica della materia” a proposito della quale non si può non rilevare la ricaduta sull’orizzonte spirituale del singolo. Ne consegue il carattere di una solidità quasi scultorea, ottenuta attraverso l’equilibrio compositivo del quadro, in cui l’artista cerca di valorizzare al massimo le caratteristiche della superficie. L’interesse della Gulak non è rivolto tanto alla forma rappresentata o al gioco delle tinte, quanto piuttosto alla trama e al colore della materia, pur nella salvaguardia dell’armonia complessiva dell’immagine.
inter black
anna gulak obraz abstrakcja malarka1
inter black

The artist, through her personal and delicate lyricism, transforms her feelings and fantasies into a material form composed of colour and sculptural relief elements. Inspired by organic forms of nature, Gulak creates dreamy abstract landscapes invoking auras of enhanced and highly symbolic, therefore allusive, chromatic tones. Blue, the colour which has its own interpretative story in the variegated art history connected for example with such names as van Gogh and Kandinsky, green, red and orange in all their shades express Gulak’s undoubted synesthetic ability. Her abstract canvases transcribe into contemporary language the ideas previously implemented by Skriabin or Korsakov. Following the great European abstract tradition, Gulak, transferring her impressions onto the canvas, almost in a cathartic method, visually reproduces the suspension of perception of all sense of time and space in a way that man experiences it.
inter black smaller
L’autrice, attraverso un personale e delicato linguaggio lirico, traduce i suoi sentimenti e le sue fantasie in una forma materica, composta dal colore e da elementi in rilievo, la cui ispirazione, attinta alle forme organiche della natura, crea paesaggi astratti come sogni, evocando aure di accresciute tonalità cromatiche fortemente simboliche e perciò stesso allusive. L’azzurro -colore che ha una sua personale vicenda interpretativa nel variegato panorama dell’arte, legata ad esempio a nomi quali van Gogh e Kandinskij- il verde, il rosso, l’arancio in tutte le loro tonalità esprimono le indubbie capacità sinestetiche della Gulak, le cui tele astratte trascrivono in un linguaggio contemporaneo gli accordi che già Skrjabin e Korsakov avevano realizzato. Sulla scia della grande tradizione astratta europea, la Gulak, nel trasferire le sue impressioni sulla tela, in maniera quasi catartica, realizza e rende visibile la sospensione di ogni percezione di spazio e tempo così come si verifica nel cammino di auto-coscienza che l’uomo compie.
inter black

anna gulak artista 4
inter black

Gulak’s abstract paintings bring to mind Kandinsky’s words from a significant passage of Concerning the spiritual in art: ‘…in highly sensitive people, the way to the soul is so direct and the soul itself so impressionable, that any impression of taste communicates itself immediately to the soul, and thence to the other organs of sense.’
inter black smaller
Dinanzi ai suoi quadri astratti ritornano alla mente le parole di Kandinskij in un significativo passo de Lo spirituale nell’arte: «Negli esseri umani più evoluti, le vie che conducono all’anima sono così dirette e le impressioni psichiche raggiungibili così rapidamente che un’azione che si eserciti attraverso un senso arriva direttamente all’anima, facendo vibrare per simpatia le vie corrispondenti che vanno dall’anima agli altri organi sensoriali» .
inter black

anna gulak artist 5
inter black

Therefore in the etymological sense, one can speak of a harmonized set of paintings with reference to the subtle lyricism inherent in the artistic language the artist uses.
inter black smaller
Si può pertanto parlare di un insieme armonico di tele, proprio in senso etimologico, con riferimento al sottile lirismo insito nei codici comunicativi di cui l’artista si serve.
inter black

anna gulak artist 6
inter black

Through a process that recovers and revises the ‘classical’ antecedents of abstractionism the artist, in her epistemological research, recreates a connection intended to support and restore the ideal of beauty and harmony in contemporary art without renouncing proper formal and epistemological research that constitutes its characteristics. In fact, she explores the energetic and evocative potentialities of raw, crude material in its true state, completely separate and detached from its natural physical configuration, without disowning it from its origin.

The combination of material affixed to the canvas, almost suspended in space, highlighted by the clever use of oil colours that create the background, becomes a metaphor of an existential search, a search for something truly genuine and positive, something as valuable as the insertions traversing the painting, something able to oppose the distressing lack of certainty that traps a man and constitutes a distinctive feature of contemporary life.

The focus of Gulak’s artistic work on material and its energy results in a true ‘poetics of matter’ which characterizes her paintings. Unlike many modern paintings, characterized by the very rejection of form, Gulak’s works do not eliminate it from the canvas but try to implement a new mode of expression in which the form arises from the artist’s gesture, from her search for expression. The form, essentially, does not come before the work but derives from it. Because of that, it implies the superiority of the very art which molds the reality and shapes the meaning through the auroral and formative gesture of the artist.

The work of art does not come from the composition of forms but arises from the imagination of the creator and only in whose mind can the form take shape.

Therefore, Gulak’s personality asserts itself via absolute originality of artistic expression. With her characteristic management of expressive means she continues the legacy of those artists of the twentieth century who, from Fontana through Burri to Rauschenberg, looked for a unique code which would mix different means of communication in order to express the complexity of reality, eliminating at the same time the canonical distinction between forms of art. In this sense, every abstract painting by Gulak can be perceived as a hypertex within the meaning coined for this term by a great Russian director Eisenstein in his 1929 essay Beyond the shot or rather as the collection of texts that you could capture simultaneously and easily switch between them using thematic links.

This is especially evident in The light where the presence of a gap expresses and eternalises, through the revival of a subject made topical by previous artists, the artist’s way of being in that precise moment: action painting. This, along with the insertion of a bright sculptural element, gives the work a multidimensional tone and creates the illusion of luminescence essential for the title. This suggests the typical approach of the Informal, by means of which Gulak aspires to reach a new lyrical spatiality which aims to build an artistic space different from the environment, completely abstract and not related to any reality, extrinsic or intrinsic.
inter black smaller
Attraverso un procedimento che recupera e rielabora i prodromi “classici” dell’astrattismo, l’artista, nella sua ricerca epistemologica, ricrea un nesso atto a supportare e ripristinare l’ideale di bellezza e armonia nell’arte contemporanea, senza rinunciare a una ricerca formale e gnoseologica insieme che le è propria. Ella infatti sonda le potenzialità energetiche ed evocative della materia nuda e cruda nel suo darsi come “datità”, completamente autonoma e svincolata dalla configurazione che la biologia della fisicità le conferisce, senza rendersi avulsa da se stessa.
Le concrezioni materiche “adagiate” sulla tela -messe in risalto dall’uso sapiente del colore ad olio che ad esse fa da sfondo- e quasi sospese nel vuoto diventano metafora di una ricerca esistenziale, una ricerca volta a scoprire qualcosa di autenticamente genuino e positivo, di prezioso come gli inserti che attraversano il quadro, da poter opporre alla desolante mancanza di certezze che insidia l’uomo e costituisce la cifra distintiva della contemporaneità.
La focalizzazione del lavoro artistico sulla materia e sulla sua energia comporta una vera e propria “poetica della materia” che caratterizza la produzione pittorica della Gulak. Al contrario di molta pittura moderna, caratterizzata da un rifiuto della forma stessa, la pittura della Gulak non la elimina dalla tela, ma cerca una nuova modalità espressiva in cui questa scaturisca dal gesto dell’artista, dalla sua ricerca espressiva. La forma, in sostanza, non preesiste all’opera, ma deriva da questa: in tal modo, si finisce con l’affermare una supremazia dell’arte stessa che plasma la realtà e le conferisce senso attraverso il gesto aurorale e poietico dell’artista.
L’opera non nasce più dall’organizzazione delle forme, ma scaturisce dall’immaginazione di chi la crea, solo nella cui mente “prende forma la forma”.
La personalità della Gulak si afferma pertanto per l’assoluta originalità dell’espressione artistica: con la sua gestione dei mezzi espressivi che le sono propri, ella si pone dunque nella scia di quei maestri del Novecento, che da Fontana a Burri a Rauschenberg, hanno cercato un codice comunicativo unico che, abolendo la canonica distinzione fra le arti, consentisse di mescolare linguaggi diversi per esprimere la complessità del reale. In tal senso, ogni tela astratta della Gulak può essere vista come un “iper testo” nell’accezione che il grande regista russo Ejzenštein diede del termine nel suo saggio del 1929 Oltre l’inquadratura , ossia come un insieme di testi da cogliere simultaneamente in modo da poter passare dall’uno all’altro facilmente per nessi tematici.

Ciò è particolarmente evidente ne La luce, in cui la presenza della fenditura esprime ed eterna, attraverso la ripresa di un tema reso topico da celebri precedenti, il modo di essere dell’artista in quel preciso momento: l’action painting e l’inserto di un elemento scultoreo fortemente luminoso realizza un oggetto pluridimensionale in grado di ricreare l’effetto di luminescenza essenziale per il titolo. Per questa via, si ripropone un percorso tipico dell’Informale, in virtù del quale la Gulak aspira a raggiungere una nuova spazialità lirica, che mira alla costruzione di uno spazio artistico differenziato rispetto all’ambiente, del tutto astratto e non riferibile ad alcuna realtà estrinseca e intrinseca.
inter black

anna gulak artist 7
inter black

We can see the same principle of technical and formal experimentation in the canvas titled Gericho in flames: the painting is divided horizontally by stretched sculptural inserts imitating a menorah going from the sides to the centre where the communicative tension reaches its climax. The menorah – the unmistakable symbol of the Jewish people – clarifies the title which refers to a key moment of the history of Israel described in the Book of Joshua: the conquest of the Canaanite city whose walls fell at the sound of the shofar after the Jewish priests had encircled it seven times within seven days. The painting has a strong metaphorical character and is a tribute to the people who experienced a tragic part of history in the last century in Nazi-occupied Poland.(…)
inter black smaller
Sulla stessa strada di sperimentazione tecnico-formale si situa l’olio intitolato Gericho nelle fiamme: l’opera è divisa in senso all’incirca orizzontale dagli inserti scultorei tesi a riprodurre una menorah con un andamento che, partendo dai lati, tende a sollevarsi verso il centro, punto in cui la tensione comunicativa tocca il suo acme. L’oggetto -simbolo per eccellenza del popolo ebraico- chiarisce il titolo, con riferimento a un episodio-chiave della storia di Israele descritto nel Libro di Giosuè, la conquista della città cananea, le cui mura caddero dopo che i sacerdoti ebrei vi avevano girato intorno sette volte per sette giorni al suono dello shofar. La tela si impone per il forte carattere metaforico che la caratterizza, omaggio a un popolo la cui storia nel secolo scorso ha vissuto i suoi momenti più tragici proprio nella Polonia occupata dai nazisti.(…)
inter black

anna gulak artist 8
inter black

(…)Lyrical abstraction and realistic portraiture therefore coexist in Gulak’s productions. Acknowledging the trends of contemporary artistic culture, she transforms them via the reinterpretation of forms, typologies and classical iconography.
inter black smaller
(…)Astrazione lirica e realismo ritrattistico coesistono dunque nella produzione plastico-figurativa della Gulak, che, recependo le tendenze della coeva cultura artistica, le trasfigura attraverso la riproposizione di moduli, tipologie e iconografie classiche.
inter black

inter black

Her art is designed to combine the complex necessities of the contemporary with a language which aims to encourage a revival of an ideal of beauty in its own semantic component. An ideal which is not an end in itself, but is inspired by the primordial idea of “beauty”, arisen from the act which first formed this concept by giving it substance, the act of Creation, which every artist implicitly tries to recreate in a highly mimetic way from implicit “religious” values. These two different components of Gulak’s art make of her an absolutely original voice in the panorama of contemporary art.”
inter black smaller
Le due diverse componenti dell’arte della Gulak ne fanno una voce assolutamente originale nel coevo panorama artistico, volta a coniugare le complesse istanze della contemporaneità con un linguaggio teso a riproporre il recupero di un ideale di bellezza mai fine a se stesso, ma ispirato all’idea primigenia di “bello” scaturita dall’atto che per primo ha plasmato tale concetto dandogli forma, il gesto della Creazione, che ogni artista implicitamente tenta di ricreare con un gesto fortemente mimetico dalle implicite valenze “religiose” nella componente semantica propria di tale aggettivo.

polish artist anna gulak 1 painting